Video

Then lets ride
Yeah all right, lets ride

Then lets ride
Yeah gonna ride
Lets right, all night

Then lets ride
Gonna ride
Lets ride, all night

He'd had would have tried!
(Oh!) He'd would have faced you!
All night long!
Then at last you've gone

He'd had would have tried!
(Oh!) He'd would have faced you!
All night long!
Then at last you've gone

He'd had would have tried!
(Oh!) He'd would have faced you!
All night long!
Then at last you've gone

He'd had would have tried!
(Oh!) He'd would have faced you!
All night long!
Then at last you've gone


28 novembre 2006

Dare ordine al caos



"Dare ordine al caos è impresa ardua.
Può riuscire: forze contrastanti
devono essere guidate da una astuta regia.
Tutto ciò si presenta delicato
come camminare sul ghiaccio,
ad ogni passo si potrebbe scivolare e rovinare tutto.
Ancor più vicini, al compimento:
scivolando sul ghiaccio a un passo
dalla vittoria, si ripiomberebbe nel caos."
Questo è quello che prescrivono i Ching (il libro dei mutamenti cinese).
Da un pò sto cercando di dare ordine al mio caos ma senza capire come mi sento sempre con il sedere congelato....
Sono sempre li a guardare il ghiaccio da vicinissimo e ogni volta che mi rialzo devo ricominciare tutto da capo. Non sto benissimo, con me stesso sono come impigrito, dal mio continuo scivolare e tutto questo mi fa stare male.....Mi sento inerme......Non voglio continuare a vivere nel Caos datemi una mano a venirne fuori...

24 novembre 2006

Siciliani al lavoro

Mi bolle dentro il sentire qualcosa di negativo del posto in cui vivo,
ed è come se la mia terra quasi non mi volesse.
Sono consapevole della mia giovane età,
della mia voglia di fare cose nuove ed interessanti
che in altri ambienti sarebbero riconosciuti sicuramente,
voglio essere tenace e cercare di non scappare.
O forse non serve a nulla lavorare onestamente?
Il mio animo è volto al futuro che non sono riuscito a crearmi,
ad una pseudo famiglia che non riesco a formare.
Forse l'essere considerato bene da tutti
e pagato male da uno solo mi costringerà ad andare
in un paese dove la maggior parte della gente
non ti vede nemmeno, dove non hai radici
e non sei parente di nessuno.
Alla fine, la stanchezza mi assale la mente che si mette sulla
difensiva, non facendomi produrre più nulla di nuovo
ma solo cercando il modo di sopravvire un altro giorno in una terra
in cui nulla è fatto a caso,
dove le persone non hanno futuro non solo per regola grammaticale.