Video

Then lets ride
Yeah all right, lets ride

Then lets ride
Yeah gonna ride
Lets right, all night

Then lets ride
Gonna ride
Lets ride, all night

He'd had would have tried!
(Oh!) He'd would have faced you!
All night long!
Then at last you've gone

He'd had would have tried!
(Oh!) He'd would have faced you!
All night long!
Then at last you've gone

He'd had would have tried!
(Oh!) He'd would have faced you!
All night long!
Then at last you've gone

He'd had would have tried!
(Oh!) He'd would have faced you!
All night long!
Then at last you've gone


28 dicembre 2012

Istanbul

Una nuovo mare

due continenti che quasi si toccano

con le sue onde che si riflettono nel cielo

nubi che si infrangono sugli scogli

gabbiani che mi sfiorano

e poi di nuovo moschee e minareti

cisterne d'acqua e pesci

che fanno da cornice a questo

Amore grande.


15 dicembre 2012

Il sasso

Mi sono imbattuto in un labirinto.
ho pensato che fosse impossibile
trovare l'uscita, allora ho srotolato
il mio gomitolo.
L'ho legato ad un sasso ed ho cominciato a camminare.
Quando sono arrivato al centro invece del minotauro, ho trovato te.
Non mi sono subito reso conto che eri lì
per me, ho aspettato.
Sono passati paura ed anni
ed è arrivata la consapevolezza che
non c'era vita fuori dal centro e senza di te.
Allora ho deciso!
Ho raccolto la lana e quando la cima è arrivata con il sasso, l'ho legata a te e sono ripartito.
Sono ancora in quel dedalo a cercare l'uscita, non importa...
ogni tanto lascio gomitolo nel punto dove sono arrivato e ritorno.
Sono felice così di ritrovarti e di viverti per quei pochi istanti che la vita mi regala.
Poi riparto ma finché tu rimarrai legata a quel gomitolo, il nostro amore non avrà fine.


03 dicembre 2012

Eolie



Affacciate alla finestra del mio animo
le Eolie, stanno li ad aspettare che
un altro tramonto le raggiunga.

Mi sento invaso da una marea di pensieri
e loro rimangono nel mio immaginario
come l'oasi della mia terra.

Mi appartengono, e mi fanno stare
come in un sogno. Questo mi rende facile il
credere che il buono e il bello risieda ancora in me.

30 novembre 2012

the fly



Like a fly I'd like to do my job.
Stay better, with my peoples.
Six legs and two wing for disturb the political man
in my personal war to survival.
I'll survive and politically they will be destroyed
by my interference.
Only this flying could produce a benefit for me
will alive to their attacks, so I can fly free.

15 novembre 2012

Per Paola

Portare avanti qualcosa che con
Amore si cerca disperatamente,
Ormai non è da tutti.
La modifica del corpo i segni che sgretolano i sogni
Amore e nient'altro aiuta a rivolgersi a se stessi come esseri.


Questo Acrostico è dedicato a una mia lontana Cugina che vivendo una condizione infelice ha avuto il coraggio delle sue azioni e sta andando avanti nel suo percorso.
Sapendo che il suo unico scopo è quello di AMARE.

Paola ti sono vicino vivi, questo momento con serenità e torna ogni tanto!



06 novembre 2012

Risposta ad un gioco

Assorta,
resto in equilibrio tra l'azzurro del cielo e la profondità del mare ...
in un colpo d'occhio risalgo su verso il calore fumante dell'Etna e il suo ghiacciaio...
un guizzo mi riporta all'immagine di te...
di noi..
felici...

Assottigliando l'Emsa

Sono lì quasi a toccarti,
mi sembra che la mia vita diventa
un simbolo di come l'amore si accanisce
e ti fa stare in un limbo,
in un infinito coccolarsi senza mai
aversi.
Poi all'improvviso il coinvolgimento dei sensi tutti,
l'emsa si assottiglia
i corpi si toccano con il respiro e tutto diventa nitido e reale.
Quel solo istante diventa impulso
a stare fermi senza pensare a sfiorarsi.
Diventa simbolo e starti lontano
anche ad un solo millimetro,
quella distanza non è più una distanza insuperabile
ma un gioco contro l'amore che proviamo l'uno per l'altro.

10 ottobre 2012

Meglio

Sono il vento la passione, quello che la gente chiama
Amore...
Riesco a percepire con un sorriso
Amaro che la vita scorre e nella fine c'è l'inizio.

Guarda "Eska ROCK - Skunk Anansie "I Believed In You" na żywo" su YouTube

23 settembre 2012

Ascoltare il suono








Il suo tormento,
non vive di sogni ma di esperienze... vissute,
mi ha ucciso.

Si svolge veloce la maratona della vita,
si aziona rapido il tremolio del mantra.

L'amo che prende il pesce scorre dentro la sua gola,
lo uccide...

Sono infelice di poter dire ho vissuto questi attimi intensi.

La vita mi abbandona a poco a poco
ad ogni pensiero di lei che giace un l'altro.

Dicendoti la verità vorrei già avere fiducia in te ma il pensiero mi assale e mi uccide.





12 settembre 2012

Nodo all'anima

Dopo pochissimi istanti
Armonie di diversa natura si legavano
Non come corde, ma come singoli pensieri
Incernierati sul fondo della mia anima.
Effluvi di gente nuova mi portavano ad un
Lungo accenno a quella
Angoscia di immortalare quel momento.


11 agosto 2012

Alla mia Venere!

Erano solo duecento scalini
a separarmi dal mondo reale!

Mi calai in quell'acqua,
sensazioni di torpore
mi percorrevano i muscoli.

Era calda.

Il sole scaldava quello
specchio d'acqua salatissima.

Pesci trasparenti mi nuotavano accanto
gente urlava e gli schizzi arrivavano da ogni dove.

Il fondo era fatto di ciottoli bianchi
spezzati dalle onde
l'acqua cristallina
me li offriva alla vista.

Al calare del sole la gente sciamava
e rimanevo da solo a godermi la
conca vulcanica di un mare saraceno.

Il vento mi colpiva la faccia
unica cosa che rimaneva fuori
e sentiva il fresco di quella giornata di fine estate.

Sensazioni bellissime mi passavano
nella mente.

Sentii uno sciabbordio mi voltai
ero rimasto solo,
e quasi incosciamente ero
arrivato al centro di quello splendore.

Quando mi girai lei era li
che mi guardava fisso.

Un eros irrefrenabile mi fece vibrare.

Lei sorrise, era nuda
bellissima, i capelli bagnati.

La luce fioca del tramonto mi
dava colori del posto che non avevo ancora
assaporato.

Si avvicino'.

Senza chiedere le poggiai una mano sul volto,
lei la bacio'.

Da li a poco eravamo avvinghiati
in un amplesso che non so quanto duro'.

Mi addormetai quando ripresi i sensi
ero di nuovo tra gli ulivi che sovrastavano il capo
poggiata affianco al faro.

Ancora assopito pensavo all'amore che la mia Venere
mi aveva dato ed il suo odore rimase con me per sempre.

05 agosto 2012

insolita...mente



Lancio la mia rete su una piazza gremita

distinguo a malapena le facce

penso di scordare qualcosa

ma tutto il mio spirito

è concentrato su te

non voglio separarmi

non voglio mai più

essere senza la tua

mente, che mi rende insolito.

26 luglio 2012

libertà





Ecco il mio animo

illuminato da quello strano suono

armonie e sapori antichi si mischiano

archi scoccano frecce che salgono in alto

muri che si ergono davanti a me

scale che si srotolano

nemici che cadono

al suono sordo

delle mie

parole

16 luglio 2012

Altre

Non so cosè che mi spinge
a cercala
non so
cosa mi proietta
in quel paese
di cui non ho mai visto case
sentimento profondo
sincero
legato ad un filo
il suo Amore.

Happiness

La felicità si afferra,
è come un alito di vento che ti sfiora
porterai il fardello dei pensieri
la fatica di colui che sale ad punto senza ritorno
e deve riscendere per cominciare.

Eppure quando sei li a guardare
in un solo istante arriva la felicità
se la afferri subito, 
ti sentirai vivo e rinizzierai la salita.

15 luglio 2012

noi

Vorrei raggiungerti in volo e realizzare nel nostro dove
 i sogni di tanti anni.

Vorrei rendere l'essenze delle nostre anime fluide
e finalmente librarsi nell'aria nel nostro quando.

Vorrei  un Noi
 senza un tu nè un io.

Senza chiedersi più perchè?

14 luglio 2012

Canto Siculo

Lasciarsi andare ad onde luminose
ascoltare il suono di un colore
la vanità diventa insostenibile
l'estetica fa da padrona
ad una magna grecia che si ostina a nascondersi
il greco che è in me salta fuori
voglio apparire nella mia potenza
Aretusa mi diede i natali e allora perchè no,
perchè non farla rifiorire.
Un chione, bianco e nero e il mio xiphos sul fianco.
Libertà alla magna grecia...
La superbia mi prende,
Ma che volete sono Sicilaino
Dionisios tornerà.



11 luglio 2012

pillole di sole

Oggi la vita scorre molto lenta,
la Sicilia mi appare così.

Da prendere a piccole dosi.

Il sole innesca un meccanismo che
fluendo dentro, scalda.

Vortici e tempeste si fermano
tutto si placa.

Il silenzio alza le vele che saranno
sospinte in un mare limpido e trasparente.

Tutto dondolerà 
e sarà di nuovo notte.


05 luglio 2012

Così in alto come in basso

Riusciva a vedere lontano,
mare,
sole,
sbuffi di un vulcano che ad ogni ora erutta.

La manica a vento si gonfiava e la nave 
beccheggiava con te sul ponte a contare le ore.

Per te noia sopita
per me ansia.

Se tradimento c'era stato 
di sicuro la nave avrebbe 
dato il suo rollio a definire il tutto
e far defluire i miei pensieri in mare.

27 giugno 2012

alture di mare

Ti attendo su una rupe 
Io Sirena di quello scoglio
passo le mie giornate ad allietarti con le mie emozioni
non per inganno…per attrarti a me quei piccoli istanti quotidiani in cui 
mi svesto della mia coda e mi fai sentire donna… la TUA
…godo di quei piccoli istanti.. perché so che presto dovrò abbandonarti ..
Ancora una volta…e poi un'altra ancora..
Mi rivesto delle mie squame e
mi immergo nei fondali della nostra Isola d'amore..le mie orecchie non sentono..i miei 
Occhi diventano ciechi ...
mi abbandono in balia delle correnti
lasciando che la nostra mente continui a sognare di vivere insieme in quell'Isola 
dove il tempo si ferma…gli anni non scorrono …
se ci abbandoniamo l'uno nelle braccia dell'altra e ascoltiamo il nostro cuore …

25 giugno 2012

Quando un dio si trasforma in Isola

La mitologia greca su questa isola situava le fucine di Efesto, dio del fuoco e fabbro che aveva per aiutanti i Ciclopi. Ma è il nome che i Romani hanno dato al dio, Vulcano, che è stato dato all'isola.

Dare spazio alla poesia è punto di unione per chi vuole vivere "l'altro quando" delle Eolie e di cui Vulcano rappresenta la porta del suo arcipelago.

Vertice di una piramide cresciuta al sole,
dal ribollire della terra.
Armi sepolte sui suoi fondali.
Fucina ormai spenta,
per dare riparo a naufraghi,
che sempre meno navigano il mare.
Tempesta shakespirana
che toglie il lume della ragione.
Effluvi.
Tutto questo testimonia la sua presenza.
Forza tangibile di un essere,
che da divinità incontrastata,
si abbandona agli uomini,
stanco di essere distruttore,
diventa creatore del nostro essere Siculi.



 

Aforisma

Non chiederti mai perché
un cretino ha potere.

Non chiederti mai 
perché ha tanti soldi.

Sii Cretino... 

Conviene

28 maggio 2012

Rifugio

..perchè??..vorrei spegnere la tua superbia con la pioggia e nascondere così le lacrime sul tuo viso...stordirti col tuono dei miei pensieri e arrivare al tramonto illuminati da quella luce che ci scalda il cuore... ho bisogno di sentirti.

25 maggio 2012

alba che non spunta

Solo, cerco spesso quello che sono, ma non riesco a piangere, mai... forse le mie lacrime, si spengono nella sordità della mia superbia di uomo antico, stanco di un trambusto che non trovo più mio...ed aspetto un'altra alba... ed un'altra e poi ancora una finché non la rivedrò spuntare.

23 maggio 2012

Senza Freno

La strada scorre sotto,
non ho il pieno controllo di questo mezzo.

Non riesco a frenarlo,
non riesco a guidarlo con certezza.

Mi guardo attorno e vedo
non è un mezzo meccanico
è un cavallo

Ecco cosa cavalcavo,
un cavallo di colore baio.

La vita non mi sorride, 
ma la sua chioma 
non molto fluente,
mi lega a lui per sempre.

Animale indomito che
mi traghetta in questa vita
con un suo pensiero, con un suo volere.

Decidendo!

Farò così...
sarà lui a scegliere per me...

18 maggio 2012

...resto solo un ricordo!

Quella notte mi interessavo alla tua forma,
la sostanza era ormai andata nel dimenticatoio
volevo uscire dal mio ermetismo e sguazzare nel
tuo siero.

Mi piacevano le tue forme magre
che mi facevano ricordare come il pieno del tutto era
giusto.
Sarei venuto ma non avrei potuto
come fare?

Non so cosa doveva essere il giusto livello di esclusione.

Ma Pauli ne aveva fatto il principio della sua vita.

Avrei piantato un albero memore di quella notte 
in cui le nostre anime si erano 
appena sfiorate.

16 maggio 2012

Animale da palcoscenico.

Morso dal desiderio di amorosi sensi,
scrivo a lei, Reggina.

Conscio di trovare puro equilibrio,
nel liquore che sprigiona la vostra 
incandescente anima. 

03 maggio 2012

araba fenicie

Lo so
che nn mi appartieni
poi la tua guerra interiore
mi fa male.

Vorrei vivessi  in pace
senza altri pensieri
vorrei uscissi all'aria fresca.

Quanto meno, 
portare una luce
là dove è logico

Infiammare il mio cuore.
Per poi soffocare quell'incendio.

Sentirmi morire piano piano...

La forza e la vitalità che ti dono purtroppo mi svuotano e mi lasciano inerme giorno dopo giorno... Ripeto non mi aspetto nulla ma continuo a credere alle mie bugie...tremo ogni notte desiderandoti accanto ...non capisco se sia più la gioia nel sapere di essere una costante dei tuoi pensieri o il dolore per la tua assenza ...in ogni caso sono come una foto ricordo, accartocciata o ricomposta, in base alle situazioni ma in entrambe sempre logorata... vivo la mia vita nel rimpianto di non aver provato quel passo in più... il mio senso morale mi ha bloccato... come sabbia mi disperdo in un passato che verrà cancellato lasciando il posto solo a una piccola vibrazione dell'anima ... 

02 maggio 2012

Le memorie

Come una guerra millenaria tra 
acqua e pietra,
il mio animo, appariva scavato.

Lunghi tunnel erano erosi da fiumi di pensieri
e centinaia di detriti si staccavano 
da quella arenaria di ricordi.

Nel rotolamento lungo il loro corso 
verso l'oblio, si sgretolavano sempre più 
sino a diventare sabbia finissima.

Questa stessa che raccolgo oggi 
nella caletta delle Nereidi
mi da forza e vitalità.

Facendola scorrere tra le mani 
i ricordi sono più nitidi come foto
unico mosaico che compone un volto, 
quello della conoscenza.

28 aprile 2012

il libro uomo



"Sono il cervello sinistro. Sono scientifico. Un matematico. Amo la consuetudine. Categorizzo. Sono accurato. Lineare. Analitico. Strategico. Sono pratico. Ho sempre il controllo. Sono il padrone di parola e linguaggio. Realistico. Calcolo equazioni, coi numeri gioco. Sono ordine. Sono logica. So esattamente chi sono"

"Sono il cervello destro. Sono la creatività. Uno spirito libero. Sono passione. Desiderio. Sensualità. Sono il suono ruggente di chi ride. Sono il gusto. La sensazione della sabbia sotto il piede nudo. Sono movimento. Colori brillanti. Sono la pulsione a dipingere sulla nuda tela. Sono immaginazione senza limiti. Arte. Poesia. Intuisco. Sento. Sono tutto ciò che volevo essere"



Il mio sguardo si ferma su due libri vicini...
...due copertine diverse...
...uno stesso autore:
Dio!

27 aprile 2012

sabbia nera

Erutta ancor il vulcano del mio io,
innalza pennacchi di fumi neri.

La prosa scorre 
come se fosse lava.

Infuoca i miei pensieri
si accende la passione sopita.

La mia anima promette con boati e fragori
di eruttare tutto l'amore non esternato.

Catania si riempie di cenere nera 
le strade ne sono coperte.

Si scivola su quel pavè 
rimarginato da ferite antiche.

Eppure, si riempie di gente 
che prima non esisteva.

Come apparizioni che si concretizzano
vivono nel mio presente dando luce 
ad un mondo di ombrose bugie.

...

Doveri di uomo

Tutto mi ferisce
lotto quotidianamente contro me stesso.

Basta!

Arrivo al limite della sofferenza
mi ricucio in me stesso e smetto di respirare quest'aria.

Le bugie fanno la loro strada nella mia anima
devo fingere di non sentire devo ritornare in me.

Devo solo per me stesso...

DEVO!



...

20 aprile 2012

Ancora

La vita sfugge di mano in modo irrefrenabile.
ogni volta che ti guardo negli occhi,
è sempre più forte il desiderio di fuggire dalla vita che ho.

Mi capita di dormire e sognare posti in cui non c'è guerra.
Posti in cui non c'è gente.
Posti in cui rimango solo con te.

Ma poi mi sveglio e sento la pressione dei pensieri di tutti
cerco di essere il più possibile equidistante da quel punto 
che in un luccichio dell'anima 
mi faccia in qualche modo equilibrare con il mio io.

Non vorrei solo salutare, 
ti vorrei baciare coccolare, 
amare liberamente.

Ma sono distante da quel centro 
e quindi preferisco soffrire finchè 
il tappo non salta e ridiventa tutto di nuovo chiaro.

E' per questo che Ancora t'amo 
rimanendo in silenzio e piangendo 
quando tutti gli altri ti deridono e scherniscono.

Logorandomi mi struggo e mi sento al palo,
ma va bene così.

Divento sempre più attivo nella risoluzione dei sistemi complessi 
ma il tuo ricordo la cosa più intima che mi rimane 
nessuno me la potrà mai portare via.

Nessuno,
nemmeno tu.




15 aprile 2012

Mal di Terra




Lontananza dal mare,
così vedo il futuro
stare senza porto.

Asfittico e circondato da mille profumi
che i monti possono dare.

Deridendo chi ascolta
lo sciabordio delle onde
sentendo solo sale e iodio
che si fissano nel naso.

Accordarmi con il cambiamento
di quell'energia che
stiamo attraversando.

Cambio la densità del mio essere
mi accingo anche io al cambiamento
in una confusione che arriva da dentro
che mi morde l'anima e mi dice
cambia.

Mi sento male nel fermarmi
devo per forza di cosa seguire una rotta
rimettermi in mare.

Solo con il mare e la comprensione di quello che non vedo.

08 aprile 2012

Emozione da isolinea


Amaro al punto giusto!

Cerco nella saliva
di distinguere il sapore di lacrime
che scorrono veloci lungo il mio viso.

Ti guardo spesso e trovo
la mia anima che passa inseguita dal dolore.

Infondo nel mio sguardo
quella cupezza dura che
non mi fa piangere mai.

Mi rendo conto che
sono le emozioni che non conosci
quelle che ti fanno dire sono vivo!

Ne sono sempre alla ricerca.

Per dire sono VIVO.

25 marzo 2012

Tra luce e buio

Scrivere è un'attività pericolosa, una perenne lotta con i lati oscuri del proprio essere, è indispensabile eliminare le tossine.
Alcune volte mi sveglio di botto e scrivo di getto.
Altre mi addormento sulla tastiera trovando una sfilza di frasi che non hanno senso.
Il principio è l'ispirazione ma il seguito è quella lotta tra l'invidia di trovare più intelligenza di una frase fatta che la restituzione di un lato articolato che realmente è più arguto del già fatto o già detto.
Questo è l'uomo che scrive, un rovistare continuo nell'universo "Pensiero" che non arriva.
Forse è solo per questo che di tanto in tanto inserisco Alda Merini tra i miei post.
Forse solo per Ricordare che lei nacque a Marzo il 21 per essere precisi e come l'equinozio di primavere i suoi versi svegliano sempre i miei sensi...



Onori ad Alda Merini




Io non fui originata


ma balzai prepotente

dalle trame del buio

per allacciarmi ad ogni confusione.



(Alda Merini)

24 marzo 2012

Arginare lo scorrere


Mi piace
arrampicarmi su quei pensieri
rimasti per di piu' solo
iseriti tra le
armoniche della vita che scorre.
Rimpiangendo per sempre
il sogno di averti
tutta per
anche solo un istante.

19 marzo 2012

Sognando Salina

Guardo al di qua di un cancello arrugginito dal tempo
e vedo quel mare.
Poseidone ne è il custode, sta al di la.
La vela che si gonfia con il vento.
La gente che non ti conosce e ti urta per strada.
Lingue di fuoco fatte dal sole sull'acqua quando cala.

Tutto dettato da un sogno.
Quello dell'amore vero.
E' così che ogni notte tocco la nostalgia che ho di te.
Non sciupo nulla, nessun attimo passato insieme.
Nessuna paura, nessun imbarazzo, nessun rimprovero, nessun pentimento.
Nulla.

Solo il tuo pensiero 
goccia dopo goccia,
tutto scivola su quel cancello 
da cui getto lo sguardo e rimane solo il mare.

08 marzo 2012

Pensieri Bohemien


Il mio cuore ungherese non grida mai,
non si arrabbia con nessuno.

Pensa al suo amore,
alle cose che posso perdermi
in una Firenze di altri tempi.

Ai ritmi tribali che si trasformano in valzer Viennesi.
Ad ori di ponti vecchi e vecchie scarpe comode.

Pensieri bohemien che vengono fuori dal coro,
ingoiano lussuria ed amore allo stesso tempo.

Sono certe le equazioni della mia anima,
che non tornano più.
Come sistemi a più incognite sono ormai
irrisolvibili, quindi devo togliere variabili.

Variabili di un'anima che sogna.

05 marzo 2012

Swordfish's soul




In a white room with hammocks made ​​of jute.
We slept cuddled.
I heard a loud noise,
I got up and went to the door.
Opening, I found myself in front of a pier made ​​of stone.
There was a big swordfish.
Struggled and people were trying to hit him ...
They wanted to kill him ...
The sword was long,
was turning on itself,
he fought.
It became increasingly difficult,
asphyxiation ...
Water ...
I'm tired.
You called,
I turned.
I looked into and you cried,

I was the swordfish and I was already dead.



11 febbraio 2012

Alimenti


Articoli che scorrono,
fluttuano per ambienti che
allargandosi si restringono.

Gioie si trasformano in rimpianti,
quando animali sussurrano zizzania.

Momenti sono rubati da piccoli ignavi,
passioni spente che portano a vivere
turbolenze nell'assieme.

La compagnia si trasforma in solitudine
e gli alimenti servono solo per tirare avanti
un altro giorno, facendo sognare
ed impazzire.
Lavando così le onte subite
e dando vigore ad intransigenze ed orgogli,
perdendosi del tutto in tasche degli uomini di legge.

02 febbraio 2012

Complesso



Arti che sfuggono alla mente,
gente che corre in direzione opposta alla mia,
angeli
loro aspirano alla divinazione.

Non agisco alla minima increspatura
assegno semplicemente ad ognuno il suo.

Direzione Vuoto.

Come il mio cuore... nessuna cura.

Solo tristezza... di sicuro sarà un
Complesso.

26 gennaio 2012

Dentro te

Dentro di te 
ben nascosta
una grande forza d'animo 
gestisce la tua vita. 

Non sempre sai come verrà fuori,
ma spesso sei solo, come chiunque altro ed è solo allora 
che questa ti parla e ti dice cosa fare.

Ascolta in silenzio, medita e pensa spesso che 
tutto cambia, muta.

Solo i sentimenti
quelli forti rimangono.