Video

Then lets ride
Yeah all right, lets ride

Then lets ride
Yeah gonna ride
Lets right, all night

Then lets ride
Gonna ride
Lets ride, all night

He'd had would have tried!
(Oh!) He'd would have faced you!
All night long!
Then at last you've gone

He'd had would have tried!
(Oh!) He'd would have faced you!
All night long!
Then at last you've gone

He'd had would have tried!
(Oh!) He'd would have faced you!
All night long!
Then at last you've gone

He'd had would have tried!
(Oh!) He'd would have faced you!
All night long!
Then at last you've gone


23 aprile 2007

Scusate l'iterruzione del racconto

Scusate l'interruzione della vita perigliosa di Giosuè ma era più significativa un'ode a mio zio, che ha abbandonato la vita in due mesi......................................................
Forse uno dei pochi che rispettava la mia eccentrica personalità.
Mi mancherà tanto..............................................

A partenza i me ziu

Profumo di crispeddi fritti ca provula,
ciauru di gersuminu iancu e di calia a ddu botti,
sonu di campaneddi d'argentu appinnuti o santu.
E poi u tammuru che batti e a grancascia ca
chiama all'adunata di musicanti.
Santi d'austu ca fannu turnari i famigghi
oncantu ca puru niuru, fannu
veniri genti puru i luntanu......
Di chistu mi ricordu caru ziu
di commu mi trattasti e di commu
misuravi u rispettu cu tutti.
Ti vogghiu beni e ie sicuru
ca to partenza sarà pi tutti na cosa brutta....
Un to niputi............................

11 aprile 2007

La Vita Perigliosa di Giosuè Parte 2

Legge fisica inattacabile dalle vecchie teorie, modernissima nelle definizioni, ma stretta a ridurre il tempo in un borgo di provincia senza spazi da utilizzare e azioni da intraprendere.
Era questa la realtà, intrappolati in un'esistenza che accomunava poche centinai di anime e che portava alla consapevolezza che ognuno era importante per se e non aveva del resto, voglia di anticipare nulla di se agli altri.
Esistenze, fatte di parenti e invidie democratiche, per piccoli uomini ingigantiti da piccole azioni comuni fatte per le loro famiglie.
Giosuè aspettava, era l'unico in paese ad avere una memoria fotografica che gli permetteva di avere la sensazione di conoscere anche chi era passato solo una volta, nel suo piccolo hotel "Nelson" unico personaggio famoso che si era degnato di fermersi tra quelle quattro case. Quest'ultimo era passato nell'Ottobre del 1797 anno prima della caduta di Ferdinando I re delle Due Sicilie, che a seguito dei moti rivoluzionari sfociarono nella nascita della "Repubblica Partenopea", dovette abbandonare Napoli e rifugiarsi con l’aiuto di Nelson in Sicilia, a Palermo. Nelson fu contentissimo di aiutare il re in decadenza perchè già aveva intenzione di occupare quelle terre. Infatti nel 1799 re Ferdinando fu rimesso sul trono di Napoli, grazie all’aiuto dell' inglese, che aveva sconfitto la flotta francese nella battaglia di Abukir impedendo alla Francia la supremazia nel Mediterraneo.
Nelson soffocò nel sangue la repubblica partenopea e liberò la monarchia borbonica da uno scomodo avversario avuto in consegna, il Caracciolo, eroe della rivoluzione napoletana. Con una decisione che suscitò sdegno e che gli venne rimproverata dai suoi stessi connazionali, lo impiccò sulla sua nave, dopo un sommario processo, alla presenza della sua compiaciuta amante, l'avventuriera Emma, la giovane moglie dell’anziano ambasciatore inglese, Sir William Hamilton. Ferdinando I, in segno di riconoscenza, concesse a Nelson, in perpetuo, l'Abbazia di Maniace, le terre e la città di Bronte(in greco tuono) nello stesso modo come in passato erano appartenuti all’Ospedale di Palermo. Nel passaggio di proprietà «vi congiunse come diritti il novero di tutte le usurpazioni, abbenchè contraddette e condannate»........

10 aprile 2007

La Vita Perigliosa di Giosuè Parte 1

Certamente la vita di Giosuè era assai piena di noia ed incessante stanchezza di essere infinitamente turbato dal non avere granché da fare.
Questa condizione era una molla che lo spingeva ad avere la certezza che sarebbe stato, il concepire o entrare in un sodalizio importante con persone speciali a farlo cambiare, a dargli una nuova esistenza.
Ed era solo per questo che si era fossilizzato in un piccolo borgo medievale che sembrava un altro quando un posto in cui il tempo si era quasi fermato dilatandosi dismisura. Come se in quel posto la legge di Einstein fosse l'unica legge naturale che si occupasse di non far procedere il tempo.......

02 aprile 2007

Sorrisi


Solo un sorriso sforzato,
un ovale scolpito in una
dolcezza antica e senza tempo...
sono convinto che essendo
alla ricerca di un amore vero
il vero amore non è coinvolto...........