Video

Then lets ride
Yeah all right, lets ride

Then lets ride
Yeah gonna ride
Lets right, all night

Then lets ride
Gonna ride
Lets ride, all night

He'd had would have tried!
(Oh!) He'd would have faced you!
All night long!
Then at last you've gone

He'd had would have tried!
(Oh!) He'd would have faced you!
All night long!
Then at last you've gone

He'd had would have tried!
(Oh!) He'd would have faced you!
All night long!
Then at last you've gone

He'd had would have tried!
(Oh!) He'd would have faced you!
All night long!
Then at last you've gone


24 aprile 2011

Il fabbricante di chiodi. Lo scambio

In mezzo al mercato un uomo con un asino da lontano mi guardava., sembrava più sperduto di me.
Cominciavo a sentire fame. Non so come ma sorridendo mi avvicinai.
Era di mezza età e dall’abbigliamento era molto ricco.
Chiesi: “ Sei interessato a comprare 20 chiodi di una durezza incredibile?”
Il mercato vociava c’era un confusione incredibile.
Lui mi guardò:
“Ragazzo è da un po’ che ti guardo, volevo capire cosa facessi qui”
“Sono un fabbro e sto cercando di fare dei soldi per andare via da questa città, vorrei cercare una via diversa affacciarmi al mare….. scappare”
“Vuoi liberarti dai padroni…. Dai Romani….. Pensa io in tanti anni io sono il loro ebanista. Mi sento Schiavo anche se mi fanno un sacco di regali in oro e conduco una vita agiata.
Vuoi scappare, allora scappa e non girarti indietro non guardare mai alla tua vita passata.
Quanto vuoi per i tuoi chiodi?”
“Ti ringrazio mi basterebbero i soldi per un cammello e qualcosa per mangiare.”
“Prendi il mio asino allora, io tornerò in bottega a piedi i chiodi non li prendo tutti me ne servono solo nove. Così puoi scambiare ancora durante il tuo viaggio.”
“Ti ringrazio infinitamente l’asino non sarà il massimo per il deserto ma almeno arriverò alla mia destinazione in fretta.”
“Spero che il mio aiuto ti serva a rendere libero almeno te, prendi anche questi così comprerai qualcosa da mangiare e da bere da portare con te…. Il deserto è duro, te lo dice uno che lo ha fatto con la sua famiglia al tempo dell’esodo. Sono sempre stato schiavo, va ragazzo libera anche la mi anima.”
“Grazie.”Dissi già in sella all’asino.
“Non guardare alle cose che lasci scappa!” L’ebanista gridava a gran voce sovrastando il vociare del mercato con i chiodi che gli avevo contato tra le mani.
“Non guarderò indietro, sarò uomo libero e i miei oggetti serviranno solo a progredire il commercio.”

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Una storia interessante dal significato piú profondo di quanto io ne possa percepire.Complimenti per il mix di storia antica, la festivitá,religione e fantasia.
Purtroppo non riesco a leggerla come "favola". Le favole finiscono solitamente con "e vissero felici e contenti". Il fabricante di chiodi intraprende il viaggio di libertá da solo.Il deserto é duro, riuscirá nell'intento? La fine é sospesa.Continua la favola?
BUONA PASQUA PIGRA

Pigra ha detto...

Sai non sempre c'è un lieto fine nelle favole.
Per esempio questa potrebbe essere la biografia di uno che con il suo operare pensa spesso di fare del bene, mentre i nove chiodi devono semplicemente crocifiggere i "nemici" del popolo dando l'illusione che la libertà è proprio li dietro la duna.
Sai questa favola che il mio padrone mi ha ordinato di scrivere, è di sicuro biografica. Racconta di un uomo illuso ed accecato dalla sua brama di libertà e di bene comune.
Ma alla fine resta solo e soltanto la cronaca della pasqua del 33 DC.
Buona pasqua anche a te amico lettore... sii lebero sempre senza scambi.